Cantina Castello di Torre in Pietra

Lazio
Torna al catalogo espositori
torre in pietra

Informazioni Aziendali

Scheda dell'azienda

L’Azienda si estende per 150 ettari tra dolci colline di tufo e breccia, particolarmente vocate alla coltivazione della vite, con un’altitudine media di 50 metri sul livello del mare.
Si trova nel comune di Fiumicino, all’interno della zona I.G.T. Costa Etrusco Romana
I vigneti si estendono per 52 ettari, 8 ettari sono coltivati a oliveto e 80 ettari sono dedicati ai seminativiMaria e Margherita Carandini sono le proprietarie. Filippo Antonelli e Lorenzo Majnoni, figli delle proprietarie, dirigono l’Azienda. Fabrizio Tomas è l’enologo consulente e Elisabetta Angiuli è l’enologo in cantina. Ruggero Mazzilli è il tecnico dei vigneti.

L’Azienda Agricola Torre in Pietra Leprignana fu acquistata negli anni ’30 dal Senatore Luigi Albertini, già direttore e proprietario del Corriere della Sera agli inizi del secolo.Unitamente ai terreni della bonifica di Torre in Pietra, per un totale di circa 2.500 ettari, venne costituita un’azienda modello, specializzata nella produzione del latte (importò per prima in Italia le vacche pezzate nere dagli Stati Uniti e diede vita all’industria del latte “Torre in Pietra“). Da subito Luigi Albertini (nonno delle attuali proprietarie) intese potenziare l’attività vitivinicola ampliando la cantina esistente nel Castello di Torre in Pietra ed impiantando nuovi vigneti. L’esistenza dei vigneti intorno al Castello é documentata dal XVI secoloquando il fondo apparteneva alla famiglia Peretti (Papa Sisto V) e si hanno notizie sui vigneti e sulla cantina anche durante i successivi possessi delle famiglie Falconieri, Carpegna e Florio.

La cantina si trova all’interno del borgo medievale di Torre in Pietra, é stata ricavata scavando nella collina di tufo retrostante il Castello (negli anni trenta scavando un cunicolo di collegamento tra le vecchie grotte sono state rinvenute 2 zanne di mammuth preistoriche).
E’ stata ristrutturata nel 1999; il locale di vinificazione è dotato di un impianto automatico centralizzato per il controllo della temperatura di fermentazione.
La capienza totale è di circa 7.600 ettolitri. La produzione di vino ammonta a 4.000 ettolitri/anno. Vengono vinificate esclusivamente le uve di propria produzione.

L’esposizione prevalente dei vigneti è a sud e ad ovest, con i filari orientati secondo la pendenza.
Il sistema di allevamento praticato è a filari a cordone speronato basso per le uve rosse ed a Guyot per le uve bianche.
Il sesto di impianto è di 2,5×0,8 metri per un totale di 5.000 ceppi/ettaro.
Vengono praticati l’inerbimento dell’interfilare ed il diradamento estivo dei grappoli eventualmente eccedenti.